I discorsi e bla bla bla
Evoluzione,  Metodi educativi

I discorsi di Isabella, quando la comunicazione cresce

Ciao a tutti! Tanto cresce Isabella quanto i suoi discorsi si fanno complessi. I giorni in cui i “versi” venivano alternati con poche parole ormai sono solo ricordi. Ora, infatti, è l’esatto opposto.

Isabella formula frasi di senso compiuto, parlando delle sue esperienze e di cosa ha bisogno. Oppure per spiegarci qualcosa o mentre inventa le storie con i suoi pupazzetti. Comunicare è uno degli elementi fondamentali della vita di tutti noi e, così, allo stesso modo lo è anche per quella della piccola di casa.

Discorsi continui e bla bla bla

Anche se lei si sforza al massimo per farsi comprendere, noi abbiamo i nostri grattacapi per capire il significato dei suoi discorsi. Il suo vocabolario contiene sempre più nuove parole, ma, giustamente, alcune sono pronunciate più o meno correttamente e la maggior parte di loro devono essere interpretate.

La più grande esperta della lingua di Isabella è mia moglie Veronica. Trascorrendo con lei molto tempo è ormai diventata in grado di decifrare quei discorsi che alle orecchie di altri risultano di difficile comprensione.

Fra tutti i discorsi che Isabella pronuncia, il mio preferito è quello relativo all’utilizzo dell’ombrello. Dovete sapere infatti che: “Pove ombello cuso, se acqua pum terra ombello peppo”. Logico, no? Per chi non l’avesse capito: “Se piove l’ombrello è chiuso, ma se dovesse cadere l’acqua per terra, l’ombrello è aperto”.

I discorsi di Isabella, pazienza nel farli e nel comprenderli

Io scherzo, ma, pensandoci bene, chissà quale e quanta deve essere la sua fatica nel cercare di comporre i suoi primi pensieri, ma, soprattutto, a quanta pazienza faccia appello. Sì, perché anche lei, e con tutte le ragioni del mondo, si indispettisce di sicuro vedendo che si fraintendono le sue frasi, nonostante sia così chiara nell’articolarle.

Non so quando arriverà il momento in cui saprà perfettamente parlare, e un po’ lo temo, ma sicuramente riempirà le nostre giornate, oltre che con la sua presenza, anche con le sue parole. Noi, intanto, continuiamo a leggerle dei libri perché è di grande aiuto per la sua formazione. A tal proposito, vi ricordo della rubrica I LIBRI IN FASCE che potete trovare qui sul sito oppure sul nuovo canale YOUTUBE.

Continuate a seguirci sui nostri canali social, i link sono nelle icone qui in basso, e ricordatevi che leggere rendere liberi.

Per oggi è tutto. A presto!

Padre di Isabella, autore di libri noir e appassionato di orologi a pendolo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *