Esperienze

Bolle di sapone a Pasqua e Pasquetta

Ciao a tutti! Buona Pasqua e Pasquetta! I nostri auguri arrivano in ritardo, almeno qui sul blog e sui social. Anche in questa occasione, seppur trascorsa in modo del tutto inusuale, abbiamo vissuto la nostra dose di ordinarie avventure. Questa Pasqua 2020 passerà alla storia, oltre che per il Coronavirus, per un motivo su tutti: Isabella ha fatto le sue prime bolle di sapone!

Ebbene sì, la piccola di casa Monti ha trovato in una delle uova ricevute dai suoi familiari, una boccetta viola per fare le bolle di sapone. L’entusiasmo era alle stelle, il tutto è stato incrementato dal fatto che la bacchetta spara bolle aveva disegnato sopra la mitica Peppa Pig!

La prima volta che Isabella ha visto le bolle fatte da me, papà in fasce, ha cominciato a inseguirle nel vano tentativo di afferrarle. Il suo viso era un mix fra il meravigliato e l’arrabbiato perché non riusciva a toccarle.

Poi è arrivato il momento in cui si è cimentata a crearle lei. Soffiava, soffiava e soffiava, ma niente. Ha avvicinato e allontanato la bacchetta, sperando di trovare la giusta distanza per farle. Ha anche assaggiato un po’di acqua e sapone con tanto di faccia disgustata. Poi, quando ormai la speranza cominciava a venir meno, il miracolo è avvenuto.

La distanza fra bocca e bacchetta era perfetta, il soffio deciso ma non troppo violento e così, dal nulla, ecco le sue prime bolle di sapone apparire nell’aria e volare in alto. Lei ha sorriso e poi ha escamato “Oh, no!” perché ormai erano lontane e non poteva più sfiorarle.

Ci ha riprovato e riprovato e riprovato …al termine della boccetta si sono contati mille e più tentativi e soltanto, si fa per dire, tre soffi andati a buon fine!

Bolle di sapone e colomba di pasticceria

Un altro momento fondamentale è stato l’assaggio della sua prima colomba. Assaggio, ne ha mangiata una porzione in stile Obelix. Immagino le sia piaciuta. Per il cioccolato dell’uovo di Pasqua attenderemo l’anno prossimo, intanto ce lo siamo pappato mia moglie ed io la sera davanti a un film mentre lei dormiva.

Continuate a seguire le nostre ordinarie avventure sulla pagina Facebook, il profilo Twitter e ad ascoltare le nostre Favole in Fasce.

Per oggi è tutto. A presto!

Padre di Isabella, autore di libri noir e appassionato di orologi a pendolo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *