Marito e moglie,  Paposità

San Valentino. Prima papà e poi fidanzato

Ciao a tutti! Ieri si è festeggiato San Valentino. Il mio primo San Valentino da papà.

È stata una giornata bellissima. Iniziata alle 7 di mattina con un po’ di coccole sul nostro nuovo divano letto. Proseguito con una colazione abbondante per Isabella dal suo biberon colmo di latte e biscotto granulato e per noi, caffè e brioches appena sfornate.

Due passi in centro e, dopo la sua pappa, abbiamo portato Isabella da nonna Ida e nonno Antonio mentre mia moglie e io siamo andati a mangiare un panino insieme.

Ma è stato da dopo il biberon della merenda che il mio primo San Valentino da papà ha preso il volo e mi ha portato a un livello di Paposità estrema. Sì  perché Paposità è sinonimo anche di sbattimento.

Ore 17. Inforchiamo il passeggino e ci dirigiamo per le vie della nostra Pavia alla ricerca del regalo perfetto per Veronica. Un salto in pasticceria per prendere i cioccolatini e poi dal fiorista a prenotare una bellissima rosa rossa a gambo lungo.

Ore 18. Andiamo a trovare mamma a lavoro e le facciamo una super sorpresa che proprio non si aspettava.

Ore 19. Dopo aver ritirato la rosa, facciamo ritorno a casa e cominciamo a cucinare per la cenetta mia e di Veronica: spaghetti al pesce e involtini di pancetta e gorgonazola.

Mentre la torta cuoce in forno, Isabella si pappa tutta la crema di riso e formaggino e a seguire l’omogenizzato alla mela, pasteggiando con un’ottima acqua naturale.

Si apparecchia e si accendono le candele per la cena e la nostra piccola, stremata dall’intensa giornata, si addormenta paciarotta nel suo lettino.

E ora …

Ore 21. Veronica fa il suo ritorno a casa e noi, finalmente, possiamo cenare a lume di candela.

Un San Valentino tutto nuovo. Il primo da papà. Stanco della lunga giornata, ma felice, mi addormento pensando che se si è in tre ci si ama di più. 

Continuate a seguire le nostre ordinarie avventure sulla pagina facebook e su Instagram!

Per oggi è tutto. A presto!

Padre di Isabella, autore di libri noir e appassionato di orologi a pendolo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *