Nanna

Se ti copro, tu ti scopri. E ancora … e ancora …

Ciao a tutti! L’autunno è arrivato e con lui i primi freddi, la prima sfilza di raffreddori e, per me novello papà, il valzer se ti copro, tu ti scopri.

Isabella è una bambina davvero brava. Non possiamo minimamente lamentarci anzi, a dirla tutta, spesso e volentieri la ringraziamo per averci concesso un inizio percorso così tranquillo. Notti mai perse, nessun problema di salute e una serie di sorrisi da far sciogliere anche l’iceberg che affondò il Titanic.

Ma un problema da qualche notte a questa parte ci preoccupa: il fatto che Isabella non riesce a dormire sotto la sua coperta.

Ogni volta che la si copre, lei si scopre e la cosa è puntuale come un orologio svizzero. Puoi anche restare a fissarla per tutta la notte per accertarti che non lo faccia, ma nel momento in cui abbassi la guardia lei SBAM colpo di gambette cicciosette e via la coperta. Oh, troppo ninja mia figlia!

Abbiamo tentato altri modi per tenerla coperta, visto che tenerla d’occhio non è servito a nulla. Rinnovando la danza del se tu ti scopri, io ti copro. L’abbiamo avvolta come il ripieno di un Sofficino Findus, ma si è scoperta lo stesso. Abbiamo fissato le coperte con estrema cautela sotto il materasso, ma si è scoperta lo stesso. Abbiamo persino bloccato le coperte con il cuscinone dell’allattamento, ma, e per lei è sicuramente un bello sforzo, con tre colpi di gambe, un giro d’anca e un’onda energetica in stile Dragon Ball, Isabella si è scoperta lo stesso.

Questa notte mia moglie, sentendola cigolare più del solito, si è svegliata e l’ha trovata logicamente scoperta e con le manine fredde. Da brava mamma, l’ha messa vicino a sé e ha vegliato su di lei fino al mattino.

Svelato l’arcano

Sapete, credo sia uno stratagemma di Isabella quello di scoprirsi. Il suo scopo, finalmente raggiunto, è quello di dormire abbracciata alla sua mamma.

Ma noi non ci arrendiamo! E questa notte proveremo una nuova strategiail SaccoNanna!

Vi farò sapere come è andata. Intanto voi continuate a seguirmi sulla pagina facebook!

Per oggi è tutto. A presto!

Padre di Isabella, autore di libri noir e appassionato di orologi a pendolo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *