Attendere

I segnali dell’Universo, un podio astronomico

Ciao a tutti! Oggi voglio parlarvi dei segnali che l’Universo invia ai futuri papà alla ricerca della loro paposità.

Come già vi avevo annunciato nell’articolo Il nono mese di gravidanza siamo ormai agli sgoccioli di questo lungo percorso che ci sta avvicinando all’arrivo di Isabella. L’entusiasmo e la felicità aumentano, ma, c’è sempre un ma in tutte le storie. Le preoccupazioni e, parola sempre più in voga in questo periodo, l’ansia anche. Sì, perché quando si attende l’inizio di qualsiasi nuova avventura, la mente trova terreno fertile per piantare il seme della paura. Paura di non saper gestire una nuova vita; di non essere pronti agli imprevisti e di non essere in grado di trovare una soluzione nel minor tempo possibile.

A questo turbinio di pensieri, non preoccupatevi, ma ci penserà l’Universo in persona a mettervi alla prova, talvolta nemmeno ve ne accorgerete mentre in altre occasioni sarà così palese da non poter fare altro che inchinarvi ai suoi interventi.

Tralasciando i piccoli sgambetti, ho deciso di parlarvi dei più tre grandi segnali che l’Universo ci ha mandato in questo ultimo periodo e che hanno meritato di salire sul podio.  Pronti? Partiamo!

Il podio

Al terzo posto troviamo la Renault! La famosa casa automobilistica mi ha informato che, in caso di forte tamponamento, il sedile posteriore della mia macchina potrebbe staccarsi e catapultarsi direttamente sul cofano.

Si è aggiudicata la seconda posizione l’invasione di pulci nella nostra città tanto imponente da costringere la chiusura e la disinfestazione di alcune aule del nostro famosissimo ateneo.

Ma, al primo posto, senza ombra di dubbio, posiziono il ratto della torta di mele e cioccolato da parte della nostra Luce!

Da questi segnali ho potuto comprendere come le forze intergalattiche si stiano divertendo nel prepararmi all’arrivo di Isabella. E ora mi rivolgo a te, Universo, io ti sfido. Sì, ti sfido a fare di meglio perché, citando il tenente Dan del film Forrest Gump, “è tutto qui quello che sai fare?”.

Per oggi è tutto. La ricerca della paposità continua. A presto!

Padre di Isabella, autore di libri noir e appassionato di orologi a pendolo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *