Attendere,  Esperienze

Gli svuotacantina, nemici che sembrano amici

Ciao a tutti! Oggi voglio parlarvi di coloro che, mossi da una gentilezza e un altruismo che manco Madre Teresa di Calcutta, ci fanno dono di un sacco di cose: gli Svuotacantina.

Avere una bimba comporta non poche spese. Oltre a quelle mediche composte da visite, esami e farmaci per tutto il periodo della gravidanza. Ma anche l’allestimento dello spazio di Isabella e del suo vestire, come dire, non è sempre a buon mercato.

Fortunatamente esiste la tradizione di tramandare di generazione in generazione e di amicizia in amicizia, quegli oggetti indispensabili e i vestitini del primo periodo di vita.

Ma attenzione!!! Non è tutto oro quello che luccica!

Fra queste persone che realmente contribuiscono a tutelare le finanze dei futuri genitori, ci sono loro: gli Svuotacantina.

Esseri umani che per pigrizia o per mancanza di tempo, non hanno provveduto in prima persona a sbarazzarsi di tutta la chincaglieria rotta e di tutti gli abiti macchiati o tarlati dei loro figli.

Prestare attenzione

Dovete stare attenti perché sono molto bravi a ingannarvi e a farvi cadere nella loro trappola. Vi raccontonteranno di avere soltanto loro la miglior mercanzia quando poi, in realtà, vi stanno propinando la miglior peggio truffa in stile autoradio nuova nei parcheggi dell’autogrill.

Sappiate che se rimarrete intrappolati nella loro tela, non potrete più restituire loro i prodotti fallati. Gli Svuotacantina saranno infatti irremovibili nel non accettare indietro tutto ciò che vi avranno consegnato.

Anche Veronica ed io siamo stati raggirati da questi sapienti venditori. E, in tutta onestà, credo che entreremo anche noi in questa categoria in futuro.

Dunque, se siete in dolce attesa, state attenti. Gli Svuotacantina vi stanno studiando in silenzio e, senza dubbio, in un angolo buio delle loro cantine, hanno uno scatolone con già sopra scritto il vostro nome.

Per oggi è tutto. A presto!

Padre di Isabella, autore di libri noir e appassionato di orologi a pendolo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *