Attendere,  Paposità

Come un elefante in cristalleria, i disastri di un futuro papà

Ciao a tutti! Oggi voglio parlarvi di quando mi sento poco utile e, volendo fare l’impossibile, finisco per fare disastri. Mi sento come un elefante in cristalleria. Non vi capita mai?

Ci sono volte in cui penso di non fare abbastanza in questa prima parte del viaggio che mi porterà a conoscere la mia paposità.

Ora, non sono certo uno che appena torna a casa si toglie le scarpe e pretende una birra ghiacciata bello comodo sul divano. Anzi. A volte però questo pensiero mi tocca e mi incupisce un poco. Soprattutto quando vedo Veronica stanca.

Allora via con mille mestieri e mille progetti da portare a termine in giornata. Peccato che poi, anche se mosso da buoni propositi, finisco per fare danni.

Oggi stavo impazzendo

Oggi, per esempio appena sveglio, dopo una notte di mia moglie insonne, ho deciso di stendere i panni della lavatrice fatta da lei alle 4 di mattina (sì, avete letto bene: 4 di mattina) mentre lei, finalmente, si era appisolata sul divano.

Beh, risultato, un baccano incredibile nell’aprire lo stendino, un ramo della nostra orchidea spezzato a metà e, inevitabilmente, Veronica che si è svegliata, più che giustamente, adirata dal suo meritato riposo.

Mi sono sentito come un elefante in una cristalleria! 

Esemplare di uomo elefante un attimo prima di compiere disastri.

La disperazione più totale si era impadronita di me e, dopo una mattinata di pentimento a lavoro, tornato a casa, le cose con mia moglie sembravano risolte. Pappa e mini pisolino a letto. Sembrava andare tutto per il meglio quando, proprio nel bel mezzo del pisolino ho ribaltato dal comodino la lampada, svegliandola nuovamente.

Fu in quel momento, quando ormai mi stavo preparando al peggio, che Veronica mi ha dato una lezione di vita importantissima: a volta non serve fare il mondo, ma basta soltanto una coccolina in più.

Che dire, dopo questa giornata trascorsa a rompere cose, viva le coccole e abbasso i mestieri.

A presto!

Padre di Isabella, autore di libri noir e appassionato di orologi a pendolo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *